…8 marzo…

"…In realtà, l'istituzione dell'8 marzo come Festa della donna risale alla III Internazionale comunista, svoltasi a Mosca nel 1921, dove fu lanciata da Lenin come "Festa internazionale delle operaie", in onore della prima manifestazione delle operaie di Pietroburgo contro lo zarismo.

Il racconto di un 8 marzo istituito in memoria un massacro frutto di odio classista e capitalista fu opera del Partito Comunista Italiano, che nel 1952, in piena Guerra Fredda, pubblicò la cronaca di questo incendio vero, ma manipolato in chiave anti-americana. La versione fu ripresa dall'Unione Donne Italiane, il settore femminile della Cgil, per organizzare quell'anno la festa dell'8 marzo, e poi dalla Cgil stessa, che vi ricamò ulteriormente, aggiungendo altri personaggi al racconto due anni dopo.

La vicenda è indicativa dell'egemonia cercata, e alla lunga ottenuta, dalla sinistra italiana sulle istanze delle donne, dove spesso oggi anche la voce di chi di sinistra non è raccoglie gli stessi temi, le stesse parole d'ordine. Così l'8 marzo in Italia è effettivamente sentita come festa generica di tutte le donne."

mimosa 

…per tutte le donne…auguri…

…8 marzo…ultima modifica: 2007-03-08T11:17:58+01:00da a_lucenera
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “…8 marzo…

  1. Bene: quello del famoso incendio è un episodio mai accaduto, di pura propaganda: ce lo hanno rivelato già un paio di decenni fa delle storiografe femministe. Le quali, andando seriamente e con metodo alla ricerca delle fonti, scoprirono che seppur l’incendio ci fu, non avvenne assolutamente con quelle modalità: nessuno fu chiuso dentro la fabbrica e le vittime furono alcune decine – tra uomini (in prevalenza), e donne. Ma ormai la tradizione e l’abitudine si sono imposte sulla verità: un pò come il bue e l’asinello della mangiatoia di Gesù, che non risultano su nessuno dei quattro Vangeli (Marco, Luca, Matteo, Giovanni), eppure nessuno ci fa caso. Andare a vedere per credere. Non sto scherzando: internet e i mass media in generale sono una fucina di favole, purtroppo.

Lascia un commento